FIGLI DI ABRAMO



Stefano Sabelli

ABRAHAMS BARN/FIGLI DI ABRAMO

un patriarca, due figli, tre fedi e un attore

di Svein Tindberg

  • traduzione e regia di Gianluca Iumiento
  • musiche dal vivo di Giuseppe Moffa
  • proiezioni e immagini Keziat
  • adattamento Stefano Sabelli 

prima versione italiana

 

 

page2image53874848

  • Nella sola Norvegia, ABRAHAMS BARN di Svein Tindberg ha superato i 150.000 spettatori, diventando un vero e proprio Blockbuster del Teatro di narrazione. Tradotto e diretto da Gianluca Iumiento, adattato e interpretato, in esclusiva per l’Italia, da Stefano Sabelli FIGLI DI ABRAMO, è una sorta di Mistero Buffo incentrato su vita e dinastia di Abramo, Patriarca e Profeta comune all’Ebraismo, al Cristianesimo e all’Islam.

Il monologo mette in scena il diario di Viaggio di un attore, che da Gerusalemme si mette alla Ricerca dell’Abramo perduto. La storia dell'uomo che da 4 millenni è riferimento di fede per miliardi di persone sulla Terra, è narrata in modo colto ma pure con grande ironia e divertimento. Sono così, rievocati mito e leggenda del primo profeta monoteista dell’Umanità. Un vero innovatore che a Ur dei Caldei, dov’era nato, in Mesopotamia, rifiutò l’idolatria dei suoi tempi, per credere in un solo e unico Dio creatore.

Da ribelle ai facili idoli, Abramo, divenne, per questo, il primo esule braccato dell’Umanità e il suo perenne peregrinare - dalla Mesopotamia all’Egitto; dalla Cisgiordania alla Penisola arabica; dal Mar Rosso al Mediterraneo – fu teso alla ricerca e all’approdo della Terra promessa.

FIGLI DI ABRAMO, indaga l’origine delle tre grandi fedi monoteiste, entrando nel merito della loro comune discendenza abramitica. Racconta però anche la Storia di conflitti perenni e incomprensibili fra popoli, perpetrati in nome dello stesso Abramo, dei suoi figli - Ismaele e Isacco - e poi dei figli dei suoi figli.

Popoli che, dalla lettura comparata e spesso sorprendente dei testi sacri, Torah, Vangelo, Corano, dovrebbero considerarsi fratelli gemelli. Tutti i tre grandi testi monoteisti, in realtà, indicano Abramo come patriarca e capostipite, sia delle 12 tribù d’Israele, da cui nasce e si diffonde prima il Giudaismo e poi il Cristianesimo, sia delle 12 tribù arabiche, da cui nasce e si diffonde l’Islam.

Tutti i discendenti di tali tribù si considerano perciò, giustamente, FIGLI DI ABRAMO. Il Problema, semmai, è nel fatto che ognuno racconti poi la Storia di Abramo - Abraham o Ibrahim, che dir si voglia - pro domo sua... Anzi, pro fede sua!

In Europa, come in Medio Oriente, o ovunque i FIGLI DI ABRAMO oggi vivano, più che raccontare i danni procurati da integralismi e conflitti di religione bisognerebbe, perciò, cercare di narrare la storia di una florida interazione culturale, intellettuale e spirituale, dove le tre grandi fedi, vivendo vicine, l'una accanto all'altra, si sono in realtà reciprocamente arricchite di valori comuni e universali che, insieme, hanno segnato molto del cammino dell’Umanità.

Temi che questo spettacolo affronta fin dalle prime battute, affascinando con una affabulazione fatta di mille storie e mille miti, connessi con Abramo, che s’intrecciano fra loro, generando nuove storie e nuove tradizioni. Miti e Riti che ci sembra, forse, di aver dimenticato ma che sono fondamento e DNA delle nostre civiltà, delle nostre comunità, delle nostre complessità.

Al Teatro del Loto, come al Det Norske Teatret – il Teatro nazionale di Oslo – crediamo che oggi valga la pena tornare a proporre opere che superino il minimalismo e il solipsismo di tanta dram- maturgia contemporanea. Per ritrovare il gusto di affrontare grandi temi e grandi narrazioni che, come in questo caso, possono contribuire a rimuovere barriere, diffidenze, incertezze, solitudini. Quelle che attanagliano il nostro vivere comune. Per evidenziare, piuttosto, paralleli e linee di pen- siero che uniscono grandi fedi e grandi culture.

In un mondo in cui la polarizzazione tra laicismo e religiosità diventa sempre più autolesionismo che mina il nostro vivere - quando non ancor più esecrabile esercizio di potere - l’epica narrazione di ABRAHAMS BARN ha regalato, in Scandinavia, a migliaia di spettatori, la gioia di sentirsi Comunità. È auspicabile che in Italia accada lo stesso con FIGLI DI ABRAMO, nuova e importante produzio- ne su cui il Teatro del LOTO ha molto scommesso.

A proposito di ABRAHAMS BARN Svein Tindberg scrive: “Realizzare un’opera di teatro su uno dei capisaldi della cultura universale può sembrare opera insormontabile. Ma è stato meno compli- cato di quel che sembra. Queste sono storie fantastiche. In tutti i sensi! Il mio compito è stato tes- serle fra loro per raccontarle come una storia nuova, bella e avvincente, capace di suscitare scin- tille di meraviglia negli occhi degli spettatori. Spero perciò che il pubblico esca dallo spettacolo con il sorriso sulle labbra ma anche con un po' più di consapevolezza. Abbiamo bisogno di co- noscerci meglio, l'uno con l’altro, se vogliamo essere in grado di vivere insieme. No?”

  • Stefano Sabelli

page3image36976240

fondatore e direttore del Teatro del Loto, è artista da sempre attento allo Studio di Re- ligioni e Civiltà. Nel 2021, nel ventennale dell’11 settembre e del- l’abbattimento dei Buddha di Bamiyan ha rimesso in scena LE VIE DEL BUDDHA, tratto dal suo Diario di Viaggio in Afghanistan e nella Valle di Bamiyan, dove si è recato, a dicembre 2001, subito dopo l’11 settembre, con la guerra ai talebani ancora in corso, a seguito della prima missione culturale del MIBAC in quel paese, diretta da Vittorio Sgarbi.

Il monologo, incentrato su temi storico-archeologici e politico-religiosi, oltre a stigmatizzare la di- struzione dei Buddha di Bamiyan e la furia iconoclasta dei talebani, affrontava il dramma e il ge- nocidio perpetrato dagli studenti coranici sul Popolo Hazara, custode nei secoli dei Grandi Bud- dha della Montagna.

Interpretando ora FIGLI DI ABRAMO, continua a perseguire un suo percorso ideale di Teatro di nar- razione che, con LE VIE DEL BUDDHA, compone un Dittico dedicato a grandi Culture dell’Umani- tà, soprattutto mediorientali. Certamente Stefano interiorizza e propone l’opera di Svein Tindberg come un “suo” diario di viag- gio, arricchendo per altro il testo di racconti e riflessioni tratti dalla sua esperienza diretta a Geru- salemme e in Palestina. Il risultato è una narrazione ancora più ricca rispetto all’originale norve- gese, già comunque denso di suggestioni e riflessioni storico-religiose importanti, che rende l’edi- zione italiana di ABRAHMAS BARN ricca di coloriture semantiche e idiomatiche fruibili, spassose e accattivanti per il pubblico italiano.

  • Gianluca Iumiento 

page4image188170464

ha diretto per oltre un decennio la KHIO, l’Accademia delle Arti Sceniche di Oslo, (equivalente dell’Accademia Nazionale d’Arte drammatica). Dal 2021 condivide con Stefano la direzione artistica del Teatro del Loto. Ha tradotto e messo in scena in italiano lavori di importanti drammaturghi scandinavi contemporanei come Fosse a Jasper Halle, fra cui L’ASINO, in prima mondiale ad Asti Teatro 21, interpretato proprio da Stefano Sabelli. Svein Tindberg stesso, lasciando libertà di adattamento, ha voluto affidare a Gianluca la prima traduzione italiana e la prima messa in scena del suo testo, fuori della Scandinavia.

  • Svein Tindberg

page4image188173712

attore-drammaturgo norvegese, è da anni nella compagnia stabile del teatro nazionale di Oslo, ill Det Norske Teatret. I suoi spettacoli di teatro di narrazione, Il Vangelo secondo Marco, Gli Atti degli Apostoli e Abrahams Barn hanno trionfato sui palcoscenici di tutta la Norvegia, con ripetuti Sold-Out e Abrahams Barn è stato il suo debutto da drammaturgo. Ha inoltre scritto In una notte del ge- nere, pubblicato la raccolta Storie bibliche per bambini (2017) e raccolto fiabe classiche nel- la raccolta Asbjørnsen & Moe: le migliori fia- be (2019). I prigionieri di Adnafjell (2020) è il suo debutto come autore di romanzi per bambini. Il suo nuovo testo per il teatro, La particella di Dio, sulla scoperta del Bosone di Higgs, affronta il rapporto tra Religione e Scienza.

FIGLI DI ABRAMO si avvale di altre importanti firme della famiglia artistica del LOTO, come: 

  • Kezia Terracciano, artista visiva molto creativa che ha ideato e realizzato le bellissime immagini e i filmati proiettati nello spettacolo e che nel 2021 ha curato anche le scene de L’ASINO; 
  • Giuseppe Spedino Moffa, fra i più ecclettici polistrumentisti molisani, ha diviso il palco con Stefano Sabelli, componendo ed eseguendo dal vivo anche le colonne sonore di produzioni come MOBY DICK e LE VIE DEL BUDDHA.

FIGLI DI ABRAMO, in distribuzione per tutto il 2022 e il 2023

ha debuttato lo scorso giugno a Narni Città Teatro. Successivamente è stato presentato in altri Festival come:

  • NurArcheo Festival - Nurri, in Sardegna
  • Abraxa Teatro Festival - Giardino degli Aranci, Roma
  • Torbellamonica Estate Festival -Roma
  • Loto Link Fest - Campobasso.

Con LE VIE DEL BUDDHA, compone un dittico di Teatro di narrazione, su antichi Popoli e Fedi, che Stefano Sabelli presenta anche in contemporanea, nello stesso giorno, o in giorni immedia- tamente successivi.

Con PEER GYNTrip, L’ASINO e IL BOSCHETTO, compone invece il focus sulla drammaturgia norvegese realizzato, dal 2020 in poi, dal Teatro del Loto.




Genere
MUSICA canto world
TEATRO Contemporaneo
TEATRO Contemporaneo Prosa
Tags
svein tindberg teatro del loto stefano sabelli gianluca iumiento abramo religione monoteismi teatro di narrazione